Governo, Ue: "Italexit improbabile"

sabato 26 maggio 2018

Governo, Ue: "Italexit improbabile"

Dopo le parole minacciose di Salvini, l'Ue torna ad avvertire l'Italia e, in particolare, i partiti che hanno vinto le elezioni nella penisola. "Una Italexit è del tutto improbabile", ha dichiarato il commissario al Bilancio, Gunther Oettinger, le cui dichiarazioni sono riportate dal Berliner Morgenpost. Roma, però, stia attenta a causare o a infilarsi in una nuova crisi dell'euro poiché "una economia così grande è difficile da stabilizzare attraverso il fondo di salvataggio".

"Spero - ha aggiunto Oettinger - che i partiti al governo" lo sappiano. In ogni caso, ha sottolineato, al di là del contratto siglato cio' che conta è "come governano Cinque Stelle e Lega".

venerdì 25 maggio 2018

Governo: spread schizza a 215 punti

ROMA - Il differenziale tra Btp e Bund vola oltre i 210 punti base fino a 215, segnando il massimo dal febbraio 2014. Il rendimento del decennale italiano sfonda quota 2,50% fino al 2,54%, segnando i massimi da ottobre 2014.

Spagna, Ciudadanos pronta a presentare propria mozione sfiducia a Rajoy

MADRID (Reuters) - Il partito spagnolo Ciudadanos ha detto di essere pronto a presentare una propria mozione di sfiducia nei confronti del premier Mariano Rajoy in relazione a un caso di corruzione che coinvolge esponenti della sua formazione, il Partito popolare.

"Se Rajoy non convocherà elezioni anticipate siamo pronti a presentare una (nostra) mozione di sfiducia per far sì che si vada a votare", spiega Jose Manuel Villegas, esponente di primo piano di Ciudadanos, nel corso di una conferenza stampa.

I socialisti hanno presentato una propria mozione di sfiducia nei confronti di Rajoy.

Cambi: euro poco mosso a 1,17 dollari

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Quotazioni dell'euro in lieve ripresa. Alle prima battute della mattinata l'euro passa di mano a 1,1706 dollari (1,1724 ieri sera a New York). Stabile anche lo lo yen a 128,2.

Piazza affari apre positiva (+0,20%), spread schizza a 197 pt

MILANO - La Borsa di Milano apre poco mossa con il Ftse Mib che segna un +0,2% a quota 22.794 punti. Lo spread Btp-Bund, dopo un avvio stabile a quota 191, inizia a risalire e viaggia a quota 197,5. Il rendimento del titolo decennale italiano è ora al 2,43%.

giovedì 24 maggio 2018

Borse europee chiudono in rosso, spread Btp-bund vola dopo parole Salvini

MILANO - Le Borse europee, dopo lo slancio della mattinata, chiudono in terreno nettamente negativo, con Piazza Affari (-1%) che guida i ribassi, con Francoforte (-0,7%), Londra (-0,5%) e Parigi (-0,2%). Sono le tensioni geopolitiche internazionali ad appesantire i mercati, dopo la cancellazione da parte del presidente Usa Donald Trump del vertice con il leader nordcoreano Kim Jong-Un.

Lo spread Btp-Bund è a 192 punti base, il rendimento a 2,38 euro. A Piazza Affari vendite continuano a concentrarsi sul comparto auto, dopo la richiesta di Trump di aprire un'inchiesta sulle importazione, e sugli energetici: Italgas (-3%), Pirelli (-2,5%), Saipem (-2,5%) e Fca (-2,2%).

Scivolone di Mps (-3,7%). Tim si porta in positivo (+0,1) nel giorno del rinvio dell'Agcom dell'analisi preliminare sulla separazione rete. Bene Trevi (+3,1%), Brembo (+2,5%) e Moncler (+2%).

Piazza Affari si appiattisce e lo spread Btp-bund ritorna sui livelli di ieri, dopo essere sceso di oltre 10 punti base nel corso della mattinata. 

Zona euro, Bce avverte: governi spendaccioni rischiano di incorrere in ira mercati

FRANCOFORTE (Reuters) - I governi della zona euro fortemente indebitati che hanno allentato i cordoni della borsa rischiano di perdere il favore degli investitori, soprattutto in caso di rallentamento della crescita.
Lo ha detto la Banca centrale europea in un report proprio mentre il nuovo governo M5s-Lega, orientato a una maggiore spesa pubblica, si sta insediando.

"Un contesto di crescita in via di peggioramento o un ammorbidimento della politica fiscale in Paesi altamente indebitati potrebbe avere un impatto sulle prospettive fiscali e, in generale, sulla valutazione dei mercati nei confronti di alcuni emittenti sovrani della zona euro", scrive la Bce in una nota che accompagna la sua 'Financial Stability Review'.

La Bce ha inserito Belgio, Francia, Italia e Portogallo tra i Paesi a rischio di violazione delle regole di bilancio dell'Ue e ha detto che i governi in generale fanno troppo affidamento sul contesto economico favorevole.

Da una settimana circa i titoli di Stato italiani sono sotto pressione con il differenziale di rendimento Italia-Germania che ieri si è spinto fino a 196 punti base, massimo da inizio giugno 2017.