mercoledì 20 settembre 2017

Borsa: Piazza Affari chiude in calo, -0,31%

MILANO - Seduta in leggero calo per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in perdita dello 0,31% a 22.355 punti.

Borsa Milano poco mossa, corrono Cementir e Buzzi, Luxottica negativa

MILANO (Reuters) - Piazza Affari avvia le contrattazioni poco mossa, in linea con le altre borse europee.

Riflettori puntati sui produttori di cemento.

** Attorno alle 9,10, l'indice FTSE Mib guadagna lo 0,1% circa, mentre il FTSEurofirst 300 è sostanzalmente invariato.
** CEMENTIR al galoppo dopo la cessione degli asset italiani ad Italcementi.
** Ne trae beneficio CALTAGIRONE.
** In scia BUZZI UNICEM.
** LUXOTTICA in rosso: secondo quanto si legge sul sito della commissione Ue, il gruppo italiano ed Essilor non hanno offerto concessioni all'antitrust.
** Tra le small cap, IRCE tonica sui risultati del primo semestre.

Borsa: Milano apre piatta

MILANO - Apre piatta la Borsa di Milano. Piazza Affari ha avviato le contrattazioni sulla parità (-0,02%) a quota 22.421 punti.

martedì 19 settembre 2017

Borsa: Piazza Affari chiude a +0,27%

MILANO - La Borsa di Milano chiude in rialzo dello 0,27% con il Ftse Mib a 22.425 punti.

Istat: a luglio 2017 la produzione delle costruzioni registra un +0,1%

ROMA - "A luglio 2017, rispetto al mese precedente, l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni registra un debole aumento (+0,1%), dopo la flessione congiunturale rilevata a giugno (-1,6%)" si legge in una nota dell'Istat.

A luglio gli indici di costo del settore aumentano dello 0,1% per il fabbricato residenziale, dello 0,4% per il tronco stradale con tratto in galleria, risultando entrambi stazionari a giugno. Per il tronco stradale senza tratto in galleria si rileva un incremento dello 0,6% (-0,1% a giugno). Nella media del trimestre maggio-luglio l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è diminuito dell'1% rispetto al trimestre precedente. Su base annua, a luglio si registra una diminuzione dello 0,4% sia per l'indice della produzione nelle costruzioni corretto per gli effetti di calendario che per quello grezzo (i giorni lavorativi sono stati 21 come a luglio 2016). Una flessione si rileva per entrambi questi indici anche a giugno (-0,7%).

Sempre su base annua, gli indici del costo di costruzione aumentano dello 0,6% a luglio 2017 (+0,5% a giugno) per il fabbricato residenziale, dello 0,2% per il tronco stradale con tratto in galleria e dello 0,4% per quello senza tratto in galleria (rispettivamente +0,1% e -0,1% a giugno). A luglio il contributo maggiore all'aumento tendenziale del costo di costruzione del fabbricato residenziale è da attribuire all'incremento dei costi dei materiali (+0,8 punti percentuali). Il contributo maggiore all'incremento tendenziale degli indici del costo di costruzione dei tronchi stradali deriva dall'aumento dei costi dei materiali sia per quello con tratto in galleria (+0,3%) sia per quello senza tratto in galleria (+0,5%)".

Borsa: Piazza Affari apre in lieve calo (-0,06%)

MILANO - Piazza Affari apre la seduta in lieve calo. L'indice Ftse Mib segna un calo dello 0,06% a 22.352 punti.

Francia taglia stima deficit/Pil a 2,9% in 2017, 2,6% in 2018

PARIGI (Reuters) - Il governo francese ha rivisto al ribasso le stime di deficit per quest'anno e il prossimo, portandole rispettivamente al 2,9% e al 2,6% del Pil, mentre le precedenti previsioni indicavano il disavanzo al 3% nel 2017 e al 2,7% nel 2018.

L'annuncio è stato dato dal ministro delle Finanze Bruno Le Maire in un'intervista all'emittente tv France 2. "E' un po' meglio di quello che avevamo inizialmente prospettato al parlamento, perché la crescita è andata un po' meglio" ha detto Le Maire, aggiungendo che il governo intende tagliare di 16 miliardi di euro la spesa pubblica nel 2018.

Ieri Le Maire e il ministro del Bilancio Gerald Darmanin avevano anticipato che la ripresa economica si è rivelata sufficientemente solida da consentire al governo di tagliare la spesa senza penalizzare la crescita.