sabato 18 febbraio 2017

P.a., Madia: 50mila assunzioni, in studio sblocco turn over

ROMA - E' stata confermata dal Governo Gentiloni l'assunzione di 50mila precari e le norme sui licenziamenti sprint dei furbetti del cartellino. Il ministro per la Pubblica Amministrazione. Marianna Madia, in un'intervista al Messaggero, ha ribadito il via alla riforme ("stabilizzato chi ha un contratto a tempo da almeno tre anni") spiegando che è allo studio anche lo sblocco del turn over.

Pronti 2,1 miliardi per gli adeguamenti salariali. "Secondo le nostre stime sono circa 50mila" i precari che verranno stabilizzati con la riforma del pubblico impiego, ha detto. "Abbiamo considerato coloro che hanno contratti temporanei da oltre tre anni. Il piano sarà in vigore dal 2018 al 2020".

Alla domanda quindi se il turn over verrà sbloccato, il ministro ha risposto: "stiamo ragionando nell'ambito del governo di rivedere il turn over per gli enti locali. Nel Testo unico ci sarà una norma sperimentale sulle Regioni e sulle Città metropolitane virtuose". Chiuso il Testo unico si apre il tavolo sul contratto con l'aumento di 85 euro. "Stiamo chiudendo il riparto delle risorse del fondo finanziato nella manovra e che serve a diversi scopi - ha spiegato la Madia - La parte prevalente andrà ai dipendenti pubblici. Ci sono 900 milioni per il 2017 che diventano 1,2 miliardi nel 2018. Sono circa la metà delle risorse necessarie. Il resto lo stanzieremo nella prossima Legge di stabilità"

venerdì 17 febbraio 2017

Borsa: Piazza Affari chiude in calo (-0,4%)

MILANO - Piazza Affari ha chiuso in calo con l'indice Ftse Mib che ha ceduto lo 0,4% a 19.006 punti.

Borsa: Piazza Affari apre in rialzo (+0,12%)

MILANO - Apre in rialzo la Borsa di Milano. L'indice Ftse Mib segna un progresso dello 0,12% % a 19.110 punti. Sprint di Mediaset (+3,16%), giù Ferrari (-0,56%) e Saipem (-0,38%).

Borse Asia in calo per prese profitto, settimana in rialzo

(Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono oggi in calo dopo i recenti rialzi, con gli investitori che passano all'incasso, il dollaro recupera terreno e l'ottimismo sui possibili nuovi tagli alla produzione Opec ha fatto aumentare i prezzi del petrolio.

L'indice MSCI, che non comprende Tokyo (oggi in calo), alle ore 8,35 circa perde lo 0,24%. Per la settimana però, il guadagno è di circa l'1,2%. Si tratta della quarta settimana consecutiva di rialzo.

La conferenza stampa del presidente statunitense Donald Trump, che ieri se l'è presa con i media e ha evitato le domande sui contatti tra il suo staff in campagna elettorale e alcuni rappresentanti russi, ha convinto gli investitori a fare una pausa. "Il comportamento incostante di Trump durante la conferenza stampa ha avuto un peso destabilizzante sulla fiducia degli investitori", dice Angus Gluskie, managing director di White Funds Management a Sydney.

Anche l'arresto del capo di Samsung Jay Y. Lee, nell'ambito di un'inchiesta per la presunta corruzione che ha coinvolto membri del governo sudocoreano, è fonte di timore, dice Gluskie.

Fino a ieri, l'indice di borsa asiatico ha superato i massimi intraday per sette sedute consecutive, e ha chiuso ai massimi da 19 mesi nelle ultime due giornate.

Una serie di dati economici positivi nei giorni scorsi, in particolare l'aumento dell'export e dei prezzi delle materie prime, ha dato slancio ai mercati, anche se i timori per la possibile politica protezionistica di Trump potrebbero bloccare la ripresa.

Oggi Singapore ha rivisto nettamente al rialzo il Pil del quarto trimestre. Nei giorni scorsi Taiwan ha alzato il target di crescita ai massimi da tre anni, le esportazioni indonesiane sono cresciute al tasso più elevato da oltre cinque anni e l'inflazione in Cina a gennaio è andata oltre alle attese avvicinandosi ai massimi da sei anni.

** SYDNEY ha chiuso in lieve calo, dopo aver toccato ieri la chiusura più alta dal 5 maggio. A pesare sulla borsa australiana il calo del settore legato ai materiali estrattivi, provocato dal ribasso dei prezzi di ferro grezzo e rame.
** SHANGHAI è in netto calo dopo il recente rally, erodendo gran parte dei guadagni accumulati nei giorni scorsi (ma per la settimana è lievemente positivo). L'indice CSI 300 perde quasi lo 0,6%. A inizio seduta i titoli dei brokerage sono saliti, grazie all'annuncio ieri dell'authority di settore che saranno allentate alcune regole sul trading dei future, dopo la stretta del 2015.
** Anche HONG KONG perde, sia pur in modo più contenuto (per la settimana il guadagno è di circa l'1,9%). Prada cede oltre il 2%.
** TAIWAN in lieve calo per le prese di profitto, sulla scia degli altri mercati. I dati Thomson Reuters StarMine indicano comunque che l'isola ha registrato i dividendi azionari più alti in Asia, 4,1. Per il 2017, il mercato di Taiwan è già in rialzo del 5,5% grazie soprattutto all'attesa di forti esportazioni nel settore dell'elettronica e di una domanda robusta da Apple.
** SEUL è praticamente piatta. Pesa in particolare la notizia dell'arresto del capo di Samsung.
** SINGAPORE è in rialzo dello 0,5%, grazie ai titoli finanziari e quelli industriali.
** In rialzo netto anche MUMBAI, per la quarta settimana positiva consecutiva, grazie soprattuto al comparto della finanza, dopo che è tornato sul mercato anche per gli investitori stranieri il titolo di HDFC Bank (che guadagna il 6,5% circa).

giovedì 16 febbraio 2017

Borsa: Piazza Affari in rialzo, Ftse Mib +0,17%

MILANO - Seduta dall'insegna della lateralità per la Borsa di Milano: l'indice Ftse Mib ha chiuso in aumento dello 0,17% a 19.087 punti.

Auto Europa, gennaio +10%, Fca sale del 15%, quota mercato al 7%

MILANO (Reuters) - Le immatricolazioni di auto in Europa (Ue+Efta) hanno segnato un aumento del 10,1% a 1,204 milioni di veicoli, con il gruppo Fca che fa meglio del mercato e arriva a una quota del 7%.

Secondo i dati diffusi dall'associazione europea dei produttori Acea, il gruppo Fca ha segnato un rialzo del 15,2% a 83.780 veicoli, nonostante il marchio Jeep abbia chiuso il mese con un ribasso del 5,6% su anno, a 7.414 veicoli. Bene Fiat (MI:FCHA) con +17,3% a 63.491 veicoli e Alfa Romeo con +31,4% a 6.009.

La quota di mercato Fca sale al 7% dal 6,6% di gennaio 2016.

Fca questo mese non beneficia dell'Italia, dove vende circa un terzo del totale realizzato nell'area europea, che fa meglio del settore. L'aumento in Italia è stato infatti del 10% circa, in linea con i principali mercati, Francia e Germania.

Borsa: Piazza Affari apre in rialzo dello 0,17%

MILANO - Parte col segno più la Borsa di Milano. L'indice Ftse Mib guadagna lo 0,17%, a 19.088 punti.