sabato 25 giugno 2016

Apocalipse now. Incertezze di un piccolo investitore

637 miliardi di euro bruciati in un solo giorno
sterlina in picchiata
borse travolte da crolli inimmaginabili
oro alle stelle
petrolio che affonda
spread fino a 190 punti
alto debito pubblico

titoli di Stato europei che costano troppo e rendono nulla e di cui ci si attende il rischio di bolla
Banche centrali che stampano carta.

prezzi elevati del mercato USA
FED che non può alzare i tassi in queste condizioni

Uno scenario apocalittico mai visto nella storia dell'economia mondiale.

Con questo crash è iniziato un grande tracollo che continuerá nelle prossime settimane?

Ci sará qualcosa di ancora piú preoccupante che fará crollare i mercati?

Il rischio vero è di un contagio politico.

Se Bruxelles non interverrà sui temi e sui malesseri alla base del voto anti-Europa, il quadro certamente peggiorerá.

E con questi crolli progressivi é meglio vendere?

Purtroppo non è la scelta giusta. I piccoli investitori, nonostante ció, possono solo adottare la strategia del lungo termine, vale a dire di aspettare. Non é il momento di fare trading; solo eventualmente acquitare titoli solidi ma ormai stracciati Con una distribuzione del rischio su piú componenti (diversificazione)

E’ la prima regola.









0 commenti:

Posta un commento