venerdì 17 giugno 2016

Bce, Popolare di Vicenza ha ingannato 58 mila azionisti con titoli a rischio

Investing.com – Sono 58 mila gli azionisti ingannati dai vertici della Banca Popolare di Vicenza, secondo quanto dice la relazione della Banca Centrale Europea a seguito dell’ispezione che si è svolta tra il 26 febbraio e il 3 luglio 2015.

Continua, dunque, la bufera sulla Banca Popolare dopo la notizia di ieri del suicidio di un risparmiatore che aveva perso tutti i suoi risparmi.

Nell’inchiesta sono indagati l’ex presidente Gianni Zonin e l’ex amministratore delgato Samuele Sorato con l’accusa di aggiotaggio e ostacolo alle autorità di vigilanza. I due avevano portato con due aumenti di capitale l’ammontare dei soci della banca a 108 mila unità, incrementandone il numero del 57% in due anni.

“Gli aumenti di capitale del 2013 e 2014 – scrivono nel documento – sono stati portati a termine adottando un approccio non in linea con le normative Midifid, poichè la Bpvi non ha stilato il profilo di rischio completo dei clienti attraverso i test prescritti oppure li ha alterati a suo vantaggio”.

0 commenti:

Posta un commento