giovedì 7 febbraio 2019

Ue: stime al ribasso per economia italiana

(Afp)
BRUXELLES - Peggiora il quadro macroeconomico italiano. Nel 2019 il Pil italiano "scenderà a +0,2%, considerevolmente meno di quanto anticipato" nelle previsioni autunnali (+1,2%): lo scrive la Commissione Ue nelle nuove stime che vedono un'attività economica "anemica" nella prima metà dell'anno. La revisione, la più ampia in Ue, è dovuta a "un rallentamento peggiore del previsto nel 2018, incertezza di policy globale e domestica e a una prospettiva degli investimenti molto meno favorevole". La stima del Pil 2018 è 1%, nel 2020 0,8%, e l'Italia resta fanalino di coda in Ue.
"L'economia italiana ha cominciato a perdere slancio all'inizio del 2018", ed è finita in contrazione nella seconda metà, col Pil "calato di 0,2% negli ultimi tre mesi". Ma mentre la frenata iniziale era "largamente dovuta al commercio mondiale meno dinamico, il recente allentamento dell'attività economica è dovuto a una domanda interna pigra, in particolare su investimenti", mentre pesa "l'incertezza legata alla policy del Governo e l'aumento dei costi di finanziamento".

Le prospettive di crescita italiane "sono soggette ad elevata incertezza": lo scrive la Commissione Ue nelle nuove stime economiche. "Un'economia globale più debole dell'atteso, l'impatto sul sentimento dell'aumentata incertezza di politiche e le condizioni di finanziamento del settore privato possono portare a un calo maggiormente protratto", spiega Bruxelles.

In Italia lo spread è calato a dicembre, dimostrando che sulla manovra "abbiamo preso la giusta decisione, immaginiamo cosa sarebbe successo se non l'avessimo fatto": afferma il commissario agli Affari economici Pierre Moscovici presentando le previsioni economiche.

Moscovici poi in merito alla condivisibilità dell'ottimismo del governo italiano: "I fatti parlano. Non sembra che l'espansione keynesiana prevista si stia materializzando in modo forte, malgrado un miglioramento della situazione finanziaria e dello spread. E credo che su questo si dovrebbe riflettere", sottolinea Moscovici.

0 commenti:

Posta un commento