venerdì 9 marzo 2018

Draghi: "Necessario rafforzare le riforme strutturali nei paesi dell'area dell'euro"

FRANCOFORTE - "Al fine di trarre tutti i benefici dalle nostre misure di politica monetaria, altri settori politici devono contribuire in modo decisivo ad aumentare il potenziale di crescita a lungo termine e ridurre le vulnerabilità. L'attuazione delle riforme strutturali nei paesi dell'area dell'euro, deve essere sostanzialmente rafforzata per aumentare la resilienza, ridurre la disoccupazione strutturale e aumentare la produttività e il potenziale di crescita della zona euro" ha dichiarato il presidente della Bce, Mario Draghi, in conferenza stampa al termine della riunione del Consiglio direttivo.

"Sullo sfondo della generale attuazione limitata delle raccomandazioni specifiche per paese del 2017, come comunicato ieri dalla Commissione europea, è necessario un maggiore sforzo di riforma nei paesi dell'area dell'euro. Per quanto riguarda le politiche fiscali, l'espansione sempre più solida e diffusa richiede la ricostruzione dei buffer fiscali. Ciò è particolarmente importante nei paesi in cui il debito pubblico rimane elevato. Tutti i paesi trarrebbero vantaggio dall'intensificarsi degli sforzi per ottenere una composizione più favorevole alla crescita delle finanze pubbliche. Un'attuazione completa, trasparente e coerente del patto di stabilità e crescita e della procedura per gli squilibri macroeconomici nel tempo e tra i paesi rimane essenziale per aumentare la capacità di tenuta dell'economia della zona euro. L'approfondimento dell'Unione economica e monetaria rimane una priorità. Il Consiglio direttivo sollecita misure specifiche e decisive per completare l'unione bancaria e l'unione dei mercati dei capitali. I rischi che circondano le prospettive di crescita dell'area dell'euro sono valutati nel loro complesso. Da un lato, lo slancio ciclico positivo prevalente potrebbe portare a una crescita più forte nel breve periodo. D'altro canto, i rischi al ribasso continuano a riguardare principalmente fattori globali, tra cui il crescente protezionismo e gli sviluppi in valuta estera e in altri mercati finanziari".

0 commenti:

Posta un commento